Unione Pedemontana del Pinerolese - Provincia di Torino - Piemonte

Percorso di navigazione

Ti Trovi in:   Home » Come fare per » Occupazione suolo pubblico

Stampa Stampa

COME FARE PER

Occupazione suolo pubblico

Descrizione:
Prima di occupare aree o spazi pubblici, in via permanente o temporanea, nel territorio dei Comuni facenti parte dell'Unione (Grazzano Badoglio, Moncalvo, Odalengo Piccolo, Penango) è necessario  richiedere ed ottenere il rilascio della concessione o dell’autorizzazione.


Come Fare:
Occupazioni permanenti e temporanee


Definizione:
- Sono permanenti le occupazioni, di carattere stabile effettuate anche con manufatti, la cui durata, risultante dal provvedimento di concessione, non è inferiore all’anno, anche se realizzate senza l’impiego di manufatti o impianti stabili.

- Sono temporanee ovvero giornaliere le occupazioni, effettuate anche con manufatti, la cui durata, risultante dall’atto di autorizzazione, è inferiore all’anno, anche se periodiche, in tal caso possono essere rilasciate per più annualità,  e, in ogni caso, quelle per le attività edili.  

 


Procedura:
Tutti coloro che intendono occupare il suolo pubblico sono tenuti a presentare domanda onde ottenere le prescritte concessioni o autorizzazioni, ad eccezione delle occupazioni occasionali sotto elencate.


L’avvio del procedimento amministrativo per il rilascio dell’atto di concessione o di autorizzazione ha luogo con la presentazione della relativa domanda di occupazione all'Ufficio Tecnico Associato dell'Unione, che provvederà  all’istruttoria della domanda ed al rilascio della concessione/autorizzazione richiesta.

La domanda in carta legale, fatta eccezione per i soggetti esenti, va redatta su apposito modulo predisposto dagli uffici e deve essere presentata almeno 30 (trenta) giorni prima della data di inizio dell’occupazione;  tale termine viene ridotto a 15 (quindici) giorni le occupazioni temporanee finalizzate  all'effettuazione di lavori edili.

Qualora l'occupazione comporti opere od installazioni che rivestono carattere di particolare importanza, la domanda dovrà essere corredata da disegni ed elaborati grafici, con relative misure, atti ad identificare l'opera stessa.

La domanda di occupazione legata all'effettuazione di lavori edili deve necessariamente contenere il riferimento al titolo legittimante l'intervento edilizio.

Costituisce pregiudiziale causa ostativa al rilascio della concessione/autorizzazione l’esistenza di morosità del richiedente nei confronti del Comune interessato per debiti tributari, per canoni e per debiti derivanti dall’irrogazione di sanzioni amministrative. Non si considera moroso chi aderisce ad un piano di rateizzazione e rispetta le scadenze di pagamento delle rate.

La liquidazione del Canone di occupazione dovuto in ragione della richiesta è effettuata dal competente Ufficio Tributi Comunale.


Occupazioni temporanee occasionali

Le sotto elencate occupazioni temporanee occasionali sono soggette a dichiarazione da presentare all’Ufficio di Polizia Municipale almeno 5 giorni prima dell'occupazione, a patto che non necessitino di un'ordinanza in materia di circolazione stradale (es. modifica alla viabilità, chiusura strada):

a) traslochi, di durata non superiore a 6 (sei) ore;

b) manutenzione del verde, potatura alberi, di durata non superiore a 6 (sei) ore;

c) occupazioni con ponti, steccati, pali di sostegno o altre attrezzature mobili per piccoli lavori di riparazione, manutenzione o sostituzione riguardanti infissi, pareti, coperture, che non arrechino pericolo per la pubblica incolumità od intralcio alla circolazione pubblica, di durata non superiore a 6 (sei) ore;  

d) manifestazioni ed iniziative politiche (al di fuori del periodo elettorale), sindacali, religiose, culturali, ricreative, assistenziali, celebrative e sportive, non comportanti attività di vendita o di somministrazione, per non più di 10 mq occupati, di durata non superiore a 6 (sei) ore;

e) attività di sensibilizzazione, divulgazione di idee, raccolta di fondi ed oggetti a scopo di beneficenza e senza scopo di lucro, che comportano il collocamento sul suolo pubblico di gazebo, banchi e tavoli per finalità politiche, sindacali, culturali, scientifiche, religiose, benefiche, sportive o sociali, per non più di 10 mq occupati, di durata non superiore a 6 (sei) ore;

f) occupazioni effettuate dagli artisti di strada e coloro che esercitano mestieri girovaghi per una durata non superiore a 4 (quattro) ore.


Occupazioni d'urgenza

Per far fronte a situazioni di emergenza o quando si tratti di provvedere alla esecuzione di lavori che non consentono alcun indugio, l'occupazione può essere effettuata senza la necessità di specifico atto autorizzativo.

L'interessato ha l'obbligo di darne immediata comunicazione, completa della tipologia dei lavori e della superficie occupata, via fax, per email o a mezzo pec, all’Ufficio Tecnico e all’Ufficio di Polizia Municipale.

La durata di tali interventi non può essere superiore alle 48 ore ed entro il termine dei lavori. Nel caso in cui l'intervento urgente necessiti di un tempo superiore alle 48 ore, l'interessato dovrà presentare tempestivamente domanda a sanatoria di occupazione suolo pubblico all'Ufficio Tecnico.


Informazioni specifiche:
Per le richieste e la dichiarazione utilizzare la modulistica allegata.

Per maggiori informazioni sulle tipologie di occupazione, eventuali agevolazioni o riduzioni, consultare il Regolamento del Canone Unico dei rispettivi Comuni dell'Unione:
- Comune di Grazzano Badoglio
- Comune di Moncalvo
- Comune di Odalengo Piccolo
- Comune di Penango

Per occupazioni che interessano strade provinciali, poste all'interno del centro abitato, si riporta l'estratto dell'art. 5 del Regolamento del Canone Unico della Provincia di Asti:


Articolo 5 Attraversamenti dei comuni con tratti di strada della provincia



  1. Ai fini dell’applicazione del canone, nelle aree e spazi pubblici della Provincia non si comprendono i suoi tratti di strada situati all’interno di centri abitati di Comuni, con popolazione superiore a 10.000 abitanti, individuabili a norma dell’articolo 2, comma 7, del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n.285, sicchè il Canone è dovuto solo all’ente Comune.

  2. Per i Comuni fino a 10.000 abitanti, i tratti di strade di proprietà della Provincia situati all’interno dei loro centri abitati, il realizzarsi del presupposto dell’occupazione, determina l’obbligo per l’occupante di rimettere il Canone alla Provincia quale ente proprietario della strada e ciò quand’anche l’occupazione fosse per l’installazione di un impianto/mezzo pubblicitario. In detti tratti di strada ai sensi degli artt. 23, comma 4 e 26, comma 3 del Codice della Strada, l’autorizzazione o concessione è rilasciata dall’ente Comune, previo nulla osta della Provincia. Il nulla osta è il provvedimento con il quale la Provincia dichiara che non vi sono ragioni ostative di tipo tecnico o amministrativo anche con riferimento al versamento del Canone dovuto alla Provincia all’adozione del provvedimento comunale.



Dove Rivolgersi:
Ufficio Tecnico (Urbanistica - Edilizia Privata - Lavori Pubblici) (vedi dettaglio e orario di apertura)

Arch. Roberta Bianchi: tecnico@terredeltartufo.at.it

Tempistica:
Tempistica per il rilascio delle concessioni/autorizzazioni: 30 giorni dalla presentazione della domanda.

Per le autorizzazioni temporanee di occupazioni per cantieri edili la tempistica è ridotta a 15 giorni.


Riferimenti Normativi:
C.d.S D.Lgs. 285/1992 e Regolamento di attuazione D.P.R. 495/1992
Legge n. 160/2019

Riferimenti Normativi Locali:

Regolamento Canone unico dei rispettivi Comuni
Regolamento Edilizio dei rispettivi Comuni

 


Documenti allegati:
File pdfRichiesta per cantieri e altri interventi temporanei similari (traslochi, manutenzione verde ecc.) (72,9 KB)

File pdfDomanda per concessioni e autorizzazioni generiche di competenza Ufficio Tecnico (95,78 KB)

File pdfDomanda per concessioni e autorizzazioni di competenza SUAP (commerciali, somministrazione ecc.) (88,75 KB)

File pdfRichiesta per posizionamento cartello divieto di sosta su passo carrabile "a raso" (62,84 KB)

File pdfRichiesta per realizzazione nuovo passo carrabile (62,9 KB)

File pdfDichiarazione per occupazioni occasionali (60,08 KB)


   

Calendario eventi


Link utili

Grazzano Badoglio
Moncalvo
Odalengo Piccolo
Penango
Sportello Unico Edilizia (SUE)
Regione Piemonte
Provincia Asti
Piemonte Facile
Amianto
Protezione Civile - Bollettino di allerta
 

Riferimenti del comune e Menu rapido


Unione Terre del Tartufo, Piazza Buronzo n.2
14036 Moncalvo (AT) - Telefono: 0141917104 Fax: 0141917395,
Codice Univoco fatt. elettronica UF0164
CC.POSTALE in fase di registrazione
CC.BANCARIO IT08O0608510316000000020270

C.F. 92067690054 - P.Iva: 01593220054
E-mail: protocollo@terredeltartufo.at.it   E-mail certificata: terredeltartufo@cert.ruparpiemonte.it
E-mail D.P.O.: fabrizio.brignolo@libero.it    Pec D.P.O.: brignolo.fabrizio@ordineavvocatiasti.eu